cometelavivi

Come te la vivi?

By Gennaio 25, 2021 No Comments

Come vivi la giornata prima del tatuaggio?

La giornata prima di fare il tatuaggio cerco sempre di fare il “bravo”, non esagerare con l’alcool e le schifezze e di farmi una bella dormita in modo da essere pronto per il tatuaggio. Prenotare il tatuaggio in settimana e non il sabato mattina di  sicuro è un bell’aiuto a presentarsi decorosi dal proprio tatuatore ma tutti i buoni propositi si possono infrangere su un aperitivo.

Come vivi la mattina prima di venire in studio?

Sono sempre entusiasta e curioso di vedere il disegno finale, di capire i colori e cosa ha in mente il tatuatore però in fondo al cuore vorrei aver già finito ed essere già tatuato.

Come vivi il momento dello stencil?

Dopo innumerevoli tatuaggi uno dovrebbe aver capito che bisogna stare fermi in posizione normale e rilassata, ma la curiosità e la voglia di vedere il disegno addosso è sempre alta, io mi muovo e il tatuatore mi sgrida. È un bel momento quello dello stencil, è il vero momento di incontro tra il cliente e il tatuatore, a quel punto tutti capiscono se c’è alchimia e se il tatuaggio sarà una bomba.

Come vivi la chiacchiere col tatuatore?

Ho la fortuna di tatuarmi con persone che ritengo amiche e con cui i rapporti non si limitano alla seduta di tatuaggio quindi le trovo sempre piacevoli.

Come vivi il momento in cui vedi il tuo tattoo finito?

Un misto di eccitazione e soddisfazione, è una sensazione quasi morbosa sapere che quel disegno non andrà via mai più.

Come vivi il primo spacchettamento?

Lo spurgo fa sempre schifo e onestamente puzza anche un po’, che sia d’estate con il caldo o d’inverno con il freddo. Ma pulire il disegno e sentirlo sotto le dita è una bella sensazione. È il primo spacchettamento quello in cui si realizza di avere davvero un nuovo tatuaggio.

Come vivi col tuo nuovo tattoo?

Continuo la mia vita come ho sempre fatto 😊.